Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Contributi per la rimozione e lo smaltimento dell'amianto da edifici aziendali

Domande dall'1 al 28 febbraio di ogni anno

La Regione FVG ha approvato il Regolamento (DPReg. 21 luglio 2017 n. 0168/Pres) per la concessione dei contributi di cui all’art. 4, comma 30 della legge regionale 29 dicembre 2016 n. 25, per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto da edifici di proprietà di imprese. 

Interventi finanziabili: 

Sono finanziabili gli interventi, da realizzare successivamente alla presentazione della domanda, relativi alla rimozione e smaltimento dell’amianto da edifici, con sede legale o unità operativa sul territorio regionale, di proprietà di imprese.

Beneficiari: 

a) Micro, piccole e medie imprese in possesso dei requisiti definiti dall’Allegato 1 del regolamento (CE) 17 giugno 2014 n. 651/2014/UE;
b) le grandi imprese;

Soggetti esclusi: 

a) le imprese in stato di scioglimento, o liquidazione volontaria, nonché quelle sottoposte a procedure concorsuali;
b) le imprese che non rispettano le norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro;
c) le imprese destinatarie di sanzioni interdittive ex art. 9, comma 2, D.L. 8 giugno 2001, n. 231;
d) le aziende che gestiscono servizi pubblici locali.

Presentazione della domanda: 

La domanda di contributo, in bollo, è presentata, a mezzo PEC, alla Direzione centrale competente in materia di ambiente, Servizio competente in materia di rifiuti e siti inquinati dall’1 al 28 febbraio di ogni anno, utilizzando esclusivamente il modello di cui all’allegato A al presente regolamento e disponibile sul sito internet della Regione.
La domanda di contributo, sottoscritta digitalmente dal rappresentante legale dell’impresa, o da altro soggetto autorizzato, deve essere corredata dalla seguente documentazione:
a) relazione descrittiva dell’intervento da realizzare con indicazione della quantità di materiale da rimuovere, completa di cronoprogramma di esecuzione dell’intervento;
b) preventivo dettagliato di spesa, redatto con riferimento alle voci ammissibili a contributo di cui all’art. 8 del Regolamento;
c) due fotografie dell’immobile oggetto di intervento, attestanti la presenza di amianto;
d) dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà attestante quanto previsto dall’art. 6, comma 2, del Regolamento.
e) fotocopia del documento di identità del sottoscrittore della domanda.
Il richiedente presenta distinte domande per la sede nonché per ciascuna unità operativa oggetto di intervento. Nel casa in cui nella medesima sede o unità operativa sia necessario rimuovere e smaltire sia amianto compatto che friabile, devono essere presentate due distinte domande.

Spese ammissibili:

Sono ammissibili a contributo, al netto dell’I.V.A, esclusivamente i seguenti oneri:
a) spese necessarie alla rimozione, al trasporto e allo smaltimento dei materiali contenenti amianto, ivi comprese quelle inerenti all’approntamento delle condizioni di lavoro in sicurezza;
b) spese per analisi di laboratorio,
c) spese per la redazione del piano di lavoro
Le spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda (fa fede la data di emissione della relative fatture).
Non sono ammissibili spese relative alla sostituzione di materiale rimosso, ad interventi di incapsulamento o confinamento dei materiali con presenza di amianto.
Non sono ammissibili spese sostenute a fronte di rapporti giuridici instaurati, a qualunque titolo, tra società, persone giuridiche, amministratori, socie, ovvero tra coniugi, parenti e affini sino al 2° grado qualora i rapporti giuridici così instaurati assumano rilevanza ai fini del contributo medesimo.

Importo del contributo:

Il contributo è concesso nella seguente misura:
a) per le micro imprese: 50% della spesa riconosciuta ammissibile e per un massimo di € 15.000,00;
b) per le piccole e medie imprese: 40% della spesa riconosciuta ammissibile e per un massimo di € 30.000,00;
c) per le grandi imprese: 30% della spesa riconosciuta ammissibile e per un massimo di € 40.000,00;

Rendicontazione: 

Il beneficiario, a pena di decadenza dal contributo, deve presentare la documentazione giustificativa di spesa (ex art. 12 del Regolamento) entro 24 mesi dalla data del decreto di concessione.

Contatti: 

Luisa Melchior (Servizio disciplina gestione rifiuti e siti inquinati), Udine Piazza Patriarcato 3 – Tel. 0432 279827 – e-mail: luisa.melchior@regione.fvg.it