Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Credito d’imposta per la rimozione dell’amianto

Il Ministero dell’Ambiente ha introdotto, con il DM 15 giugno 2016 (G.U. del 17 ottobre 2016), un credito d’imposta del 50% per le imprese che hanno effettuato interventi di bonifica e rimozione di beni contenenti amianto nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2016.

Possono accedere al credito i soggetti titolari di reddito d’impresa ai sensi dell’art. 2195 del cc.

Per risultare ammissibili gli interventi devono:

  • avere ad oggetto la rimozione e lo smaltimento di amianto su beni e strutture produttive ubicati sul territorio nazionale (gli interventi conservativi quali incapsulamento e confinamento non sono contemplati)
  • essere effettuati tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2016 (sono rendicontabili le spese sostenuto in tale periodo) ed essere comunque conclusi al momento di presentazione della domanda
  • avere importo unitario (per ogni intervento di bonifica) non inferiore a 20.000 euro
  • essere inseriti all’interno del Piano di Lavoro di cui all’art. 256 del D.Lgs. 81/08 regolarmente presentato all’Azienda Sanitaria competente 

La domanda di contributo potrà essere presentata dal 16 novembre 2016 al 31 marzo 2017 esclusivamente utilizzando la procedura on-line accessibile dal link: https://www.minambienteamianto.ancitel.it/security.do?metodo=homepage

Attenzione! Il credito d’imposta non è cumulabile con altre agevolazioni concesse per le medesime voci di spesa). 

La guida all’accesso ai contributi è scaricabile a lato.