Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Nuove regole di classificazione dei rifiuti

Il 1 giugno 2015 sono entrati in vigore due nuovi provvedimenti riguardanti la classificazione dei rifiuti:

  1. Decisione della Commissione UE 955/2014/CE, che integra con 3 nuovi codici CER l’elenco europeo dei rifiuti (i nuovi codici non si riferiscono a rifiuti comunemente prodotti attività artigianali);
  2. Regolamento 1357/2014/UE, che modifica le modalità di attribuzione delle classi di pericolosità ai rifiuti (in questo caso sono possibili cambiamenti anche rilevanti, ad esempio un rifiuto classificato in precedenze come non pericoloso potrebbe rivelarsi pericoloso e viceversa).

Relativamente al secondo punto, le novità introdotte sono sostanzialmente:

  • la sostituzione delle precedenti caratteristiche di pericolo attribuite ai rifiuti pericolosi (da H1 a H15) con le nuove da HP1 a HP15;
  • la ridefinizione di alcune classi di pericolo e la variazione dei criteri e dei limiti di concentrazione per l’attribuzione delle stesse; di conseguenza non vi è un’esatta corrispondenza fra vecchie e nuove caratteristiche (non è detto, ad esempio, che al precedente H4 corrisponda la nuova HP4, o che ad H5 corrisponda HP5, ecc.).

Risulta quindi importante procedere ad una riclassificazione dei propri rifiuti, se necessario effettuando una nuova analisi o comunque integrando un precedente certificato di analisi qualora lo stesso sia ancora in corso di validità temporale. 

Si ricorda che la caratterizzazione dei rifiuti, salvo che non intervengano modifiche al processo produttivo oppure che l’autorizzazione del destinatario non stabilisca diversamente, vale di norma 24 mesi per i rifiuti avviati al recupero e 12 mesi per i rifiuti avviati a smaltimento.

Per quanto riguarda la tenuta del registro di carico e scarico (e il Sistri per i soggetti obbligati) si raccomanda di non sospendere le registrazioni e di confrontarsi con il laboratorio, con il trasportatore e/o con il destinatario del rifiuto per l’attribuzione delle nuove caratteristiche di pericolo HP, che dovranno essere riportate al posto delle vecchie H in tutte le registrazioni effettuate a partire dal 1 giugno 2015.