Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Addestramento del lavoratore

Quando è previsto e come deve essere attuato

Le Legge 215/2021 ha contribuito a puntare i riflettori sul tema dell’addestramento dei lavoratori, attività integrativa rispetto a quelle di informazione e formazione, chiarendo come deve essere attuato e tracciato. Ciò in primis al fine di ridurre il rischio di infortuni, e secondariamente per evitare di incorrere in sanzioni. Il mancato addestramento, infatti, costituisce una delle gravi violazioni che portano alla sospensione dell’attività d’impresa.

In quali casi le attività di informazione e formazione devono essere integrate con l’addestramento?

Il D.Lgs. 81/2008 prevede obbligatoriamente l’addestramento nei seguenti casi:

  • Utilizzo di attrezzature di lavoro, definite come “qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti necessari all’attuazione di un processo produttivo, destinato ad essere usato durante il lavoro” (artt. 69, 71, 73, in combinato disposto con l’art. 37). Rientrano le attrezzature che richiedono specifica abilitazione ai sensi dell’Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 (PLE, gru su autocarro, carrelli, gru mobili, gru edili, trattori, macchine movimento terra, ecc.)
  • Utilizzo di DPI appartenenti alla III categoria (cosiddetti “salvavita”, ad esempio imbracature contro le cadute dall’alto e dispositivi connessi) nonché dispositivi di protezione dell’udito (Art. 77)
  • Utilizzo di sistemi di accesso e posizionamento mediante funi (art. 116)
  • Montaggio, trasformazione e smontaggio di ponteggi (art. 136)
  • Movimentazione manuale dei carichi 
  • MMC (art. 169)- Utilizzo di sostanze pericolose (art. 227, in combinato con l’art. 37 comma 5)
  • Procedure di lavoro in sicurezza (art. 37 comma 5)

Come e da chi deve essere effettuato l’addestramento?

In base all’art. 37 comma 5, come modificato dalla L. 215/2021, l’addestramento deve essere effettuato da persona esperta e sul luogo di lavoro, ovvero sul campo. In mancanza di una definizione, può considerarsi esperta una persona dotata di formazione ed esperienza …).

L’addestramento consiste in:

  • Prove pratiche, nel caso dell’uso corretto di attrezzature, sostanze, DPI, ecc.
  • Esercitazioni applicate, nel caso delle procedure di lavoro in sicurezza

Nel caso delle attrezzature di lavoro l’addestramento deve prendere in considerazione sia le normali condizioni di impiego che le situazioni anormali prevedibili.

Come deve essere dimostrato l’addestramento?

Gli interventi di addestramento devono essere tracciati su apposito registro, anche informatico.
Un fac-simile è scaricabile dalla sezione qui accanto.