Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Otium et Negotium

In programma ad agosto e settembre la nuova mostra di artigianato artistico

Inaugurata ad Aquileia il 1° agosto la nuova mostra di artigianato artistico promossa da Confartigianato-Imprese Udine dal titolo OTIUM ET NEGOTIUM.

L'esposizione, curata da Elena Agosti, è sostenuta dal Cata Artigianato FVG e dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con il Comune di Aquileia e la Scuola dei Mosaicisti del Friuli Venezia Giuliail patrocinio della Camera di Commercio di Pordenone-Udine, Associazione Mirabilia Network, Promoturismo FVG, Fondazione Aquileia e Carta Internazionale dell'Artigianato Artistico.

TEMA

Nell’antica Roma ozio (otium) e negozio (negotium) erano due realtà antitetiche.  Le due parole, di origine latina, hanno la stessa struttura morfologica, la seconda deriva dalla prima: il negotium è la negazione dell’otium, in quanto: nec-otium = non-ozio. Rappresentano le più nobili e qualificate attività umane dell’uomo libero, il civis romanus. L’otium è l’attività massima dello spirito: lo studio, la lettura, lo scrivere opere letterarie.  Al tempo avrebbero detto: “L’ozio è il padre della virtù” (da “vir” = uomo). Infatti l’otium permetteva l’espressione delle più alte qualità morali, insieme al prodotto dell’intelletto. Il negotium è l’attività pratica, il lavoro, al tempo compito della schiavitù. Le due parole, pur essendosi conservate quasi identiche a sé stesse (otium, negotium), hanno avuto uno scivolamento di significato, che è diventato quasi opposto. Oggi difatti diciamo che “l’ozio è il padre dei vizi”. 

Partendo dal gioco semantico di queste due parole abbiamo deciso di proporlo come tema del 2020 agli artigiani del Friuli Venezia Giulia, traslitterando il significato in funzione di una esposizione che possa rappresentare le eccellenze dell’Artigianato Artistico di questa regione. L’Artigiano-Artista spesso per sopravvivere è costretto a produrre degli oggetti, sempre di altissimo valore estetico ed etnografico, dando importanza però anche alle esigenze del mercato, ossia di quello che può vendere nel suo “negozio”. 
Ma cosa produrrebbe, se fosse slegato dalle esigenze di introito economico legato alla vendita? Quale sarebbe la sua espressione artistica, il frutto della sua opera intellettuale? 

La Mostra racconta  il doppio animo dell’artigiano moderno, la sua creatività artistica pura e quello che produce, sempre fatto ad arte, per accontentare i gusti del mercato e per garantire longevità alla sua bottega. Due opere per dare una visione più completa delle singole realtà artigianali, accompagnate da alcune foto ritratto dei nostri artefici al lavoro.

PERIODO E ORARI

La Mostra sarà allestita ad Aquileia, all'interno dei prestigiosi spazi di Palazzo Meizlik, dal 1 agosto al 27 settembre.  La mostra sarà visitabile da mercoledì a domenica dalle 17 alle 21.

-----------------------

Per informazioni
Ufficio categorie
Rachele Francescutti
0432.516772
rfrancescutti@uaf.it