Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Un treno che non possiamo perdere

Se ante Covid il binomio artigianato-turismo rappresentava un’occasione, oggi si configura piuttosto come una scelta obbligata, un treno che le imprese dell’artigianato artistico, del benessere e dei servizi alla persona, come pure quelle che operano nell’ambito della casa non possono permettersi di perdere se vogliono agganciare la ripresa. Abbiamo vissuto mesi durissimi e quelli a venire si annunciano tutt’altro che in discesa. La pandemia ha impresso ferite profonde nel tessuto economico di questa regione, ferite che non sarà facile rimarginare. Questo lo sappiamo, ma non è la prima volta che ci ritroviamo in ginocchio. Abbiamo già vissuto in passato momenti difficili. Il terremoto, la grave crisi economica del 2008, oggi un’emergenza sanitaria che nessuno si aspettava. Ancora una volta ci dobbiamo rimboccare le maniche e il turismo, in una regione ricca di storia e biodiversità come la nostra, rappresenta un driver fondamentale per la ripresa. Il driver che abbiamo indicato alla Regione, quello sul quale investire, per realizzare un’internazionalizzazione al contrario. Anziché andare all’estero, l’estero ce lo dobbiamo portare in casa, naturalmente con tutte le precauzioni richieste in questo momento di emergenza sanitaria, sperando che questa situazione abbia presto fine e non abbia a ripetersi.

Dobbiamo usare tutti i mezzi a nostra disposizione per contribuire a un costante aumento dell’attrattività della regione che a cascata porta benefici per tutta la filiera. Perché al turismo, più o meno direttamente, sono collegati quasi tutti i settori, dall’edilizia all’impiantistica, dai servizi all’estetica, dall’agroalimentare all’artigianato artistico e ancora al trasporto delle persone, che tanto ha patito e patisce in questi mesi.

In questo numero di I/U vi raccontiamo cosa sta facendo la regione, cosa l’associazione per dar gambe a questo grande progetto di rilancio. Per alimentarlo abbiamo messo a punto diversi strumenti, come il microcredito per le piccole e piccolissime imprese, altri sono venuti dal Governo, tra questi il superbonus al 110%. Sulla carta è promettente e noi ci metteremo una propensione tutta nuova, un approccio al lavoro ancor più di qualità, senza sudditanza rispetto ai grandi player, con l’assistenza del mondo assicurativo, creditizio e delle professioni. Oggi più che mai il nostro imperativo è fare i lavori, farli bene e al prezzo giusto, senza essere sfruttati da altri.