Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Il Governo non può dimenticare le piccole e micro imprese

In un batter d’occhio siamo arrivati al 2020, pronti ad affrontare con rinnovato entusiasmo e una generosa dose di tenacia la sfida che ci impone l’ingresso in una nuova decade. 

Vent’anni dopo aver messo piede nel nuovo millennio e aver affrontato, secondo gli analisti, la peggiore crisi economica dopo quella del 1929, ci accingiamo a una nuova avventura. S’impone a questo punto un cambio di approccio. E’ tempo di mettere da parte la strategia della difesa, cui siamo stati costretti in questi anni per resistere alla tempesta della recessione, che ha falciato anche tante imprese artigiane, e andare alla conquista di questo nuovo mercato glocal, globale per dimensione che però apprezza sempre più i prodotti locali, di qualità e forte identità come quelli artigiani. In questo numero di I/U vi raccontiamo come l’associazione intende interpretare il cambiamento. 

Alla vigilia del congresso, dove andremo a dettare le linee programmatiche per i prossimi 4 anni, anticipiamo per voi, su queste colonne, alcune delle questioni che saranno cardinali per sostenere il nostro mondo nel prossimo futuro. L’obiettivo che ci daremo è anzitutto quello di affiancare le aziende a 360 gradi, offrendogli i tradizionali servizi di contabilità, ambiente e sicurezza, ma anche nuove possibilità di accesso al credito, utenze a prezzi concorrenziali, consulenze legali, convenzioni rinnovate con importanti realtà assicurative.

Abbiamo guardato a noi stessi e fatto uno sforzo collettivo, tra dirigenti e dipendenti, per offrire agli associati una Confartigianato che risponda alle esigenze di oggi e di domani. E qui corre l’obbligo di fare un cenno, ahinoi dolente, alla politica.
Al di là del continuare a stressare finanziariamente la piccola impresa attribuendole erroneamente responsabilità di mancato gettito, la legge di Stabilità 2020 fa poco o nulla per il mondo dell’artigianato. Presenta pochi investimenti destinati alla grande impresa e non al settore portante dell’economia italiana che con il 95% delle imprese è rappresentato dalle piccole e micro realtà produttive. 

Se ne dimentica il Governo, noi no. 

Ed è per questo che ci prepariamo a varare all’interno del nostro sistema una piccola, grande rivoluzione, creando una rete che protegga e favorisca la microimpresa nell’inserirsi saldamente all’interno del ciclo economico, non da soggetto che lavora in subappalto, ma da protagonista. Lo faremo anche creando strumenti che favoriscano la riduzione del rischio sismico nonché la riqualificazione energetica e urbanistica di tutto il patrimonio immobiliare esistente: dai siti produttivi alle zone industriali fuori dai confini dei consorzi, dalle strutture ricettive a quelle residenziali, impegnandoci in progetti smart e green.

di Graziano Tilatti
Presidente di Confartigianato-Imprese Udine

tratto da I/u - gennaio -febbraio 2020