Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Regione FVG - Provvedimenti urgenti

Prime misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da COVID-19

Mercoledì 11 marzo, in tempo record, il Consiglio regionale ha approvato la legge che dispone le "Prime misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da COVID-19".

Il testo è scaricabile da questa pagina.

Tra le misure adottate:

- gli interventi adottati sono considerati aiuti di Stato consentiti dalla normativa UE ("compatibili con il mercato interno") in quanto collegati a "eventi eccezionali";

- è prevista la possibilità di concedere a valere sulle Sezioni anticrisi specifici finanziamenti agevolati per fare fronte ai danni causati alle imprese dalla crisi economica conseguente all’emergenza

- è consentito alle imprese mutuatarie danneggiate dalla crisi economica conseguente
all’emergenza epidemiologica da COVID-19 di ottenere la sospensione per un anno del pagamento della
quota capitale delle rate in scadenza di qualsiasi finanziamento agevolato concesso a valere sui fondi di
rotazione amministrati dal Comitato di gestione del FRIE

- viene potenziato l’utilizzo delle risorse assegnate ai Confidi

- è introdotta una norma regionale “aperta” che consente di adottare misure regionali, meglio correlate con gli interventi statali, al fine di evitare sovrapposizioni o anche diminuzione degli effetti

- viene stabilita la proroga al 30 settembre 2020 per il versamento del saldo dovuto in base alla
dichiarazione relativa all’IRAP per il periodo d’imposta 2019 e della prima rata di acconto del medesimo
tributo per il periodo d’imposta 2020 (limitatamente a quanta parte di essi sia riferibile al valore della
produzione netta realizzato sul territorio della Regione)

- in caso di situazioni di particolare gravità ed emergenza come quella in corso, che rendano temporaneamente impossibile o particolarmente difficile al Consiglio regionale o alla Giunta regionale di riunirsi ordinariamente, è prevista la possibiltà di sovlgere le sedute in modalità telematica.