Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Opere pubbliche finanziate con fondi FVG

Entro il 6 dicembre le imprese devono presentare richiesta di compensazione per l’aumento dei costi

Nelle more della pubblicazione del Decreto Ministeriale previsto per fronteggiare gli aumenti eccezionali dei prezzi (che era atteso entro il 31 ottobre), la Regione FVG con Decreto 4612 del 9 novembre 2021 del Direttore Centrale alle Infrastrutture e Territorio ha definito requisiti, parametri, modalità, termini e modulistica per la concessione di finanziamenti a copertura delle spese relative ai maggiori oneri intervenuti nel 2021 per l'aumento dei costi delle materie prime per le opere pubbliche in tutto o in parte con fondi regionali.

I finanziamenti sono concessi alle Stazioni Appaltanti per interventi i cui lavori siano in corso di esecuzione alla data del 12 agosto 2021 (entrata in vigore della LR 13/2021) e per i quali sia accertata dal RUP la motivata mancanza di sufficiente disponibilità finanziaria nel quadro economico.

Le Stazioni appaltanti devono richiedere il finanziamento alla Direzione centrale Infrastrutture e Territorio, entro il 22 dicembre 2021, sulla base della modulistica disponibile sul sito della Regione.

Le condizioni individuate dal decreto regionale per cui possono essere concessi i finanziamenti sono le seguenti:
* le opere pubbliche siano finanziate, in tutto o in parte, con fondi regionali. In caso di finanziamento parziale, l’erogazione del finanziamento avverrà in forma proporzionale
* i lavori siano in corso di esecuzione al 12 agosto 2021
* il finanziamento richiesto non riguardi gli oneri per la sicurezza
* il finanziamento richiesto riguardi articoli dell’Elenco Prezzi del Progetto posto a base di gara (o nuovi prezzi stipulati in corso d’opera tra il 1 gennaio 2021 e il 12 agosto 2021) per cui le variazioni percentuali in aumento siano superiori all'8%
* a pena di decadenza, l'Appaltatore presenti alla Stazione Appaltante (ovvero la ripresenti qualora già trasmessa) l'istanza di compensazione entro quindici giorni dalla data di pubblicazione sul sito istituzionale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia del Decreto n. 4612 del 9 novembre 2021, dunque entro il 24 novembre 2021 (termine cautelativo)
* sia accertata dal RUP la motivata mancanza di sufficiente disponibilità finanziaria nel quadro economico, intesa come impossibilità di destinare al finanziamento dei maggiori oneri, fondi accantonati, economie da ribasso e somme disponibili relative ad altri interventi senza precludere il completamento dell’opera.

Le altre condizioni procedurali sono che gli importi oggetto di compensazione siano determinati come di seguito indicato:
a. il Direttore dei Lavori su indicazione del RUP dovrà applicare la presente procedura alle voci di Elenco Prezzi e alle nuove voci stipulate in corso d’opera, contabilizzate tra il 1 gennaio 2021 e la data di pubblicazione sul sito istituzionale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia del Decreto, a seguito di richiesta dell’appaltatore
b. le voci di Elenco Prezzi da esaminare sono quelle per cui l’incremento tra la voce del Prezzario Regionale 2020 e l’analoga voce del Prezzario Regionale 2021 sia superiore all’8%
c. in caso di ricorso a voci non presenti nel Prezzario Regionale FVG, il RUP dovrà dichiarare che per la redazione del Progetto posto a base di gara, a pena di inammissibilità, tali voci sono state desunte da altro Prezzario ufficiale ovvero dettagliate in apposite Analisi dei Prezzi allegate al Progetto posto a base di gara, indicando il prezzario o l’analisi prezzi. Il DL dovrà procedere alla verifica dell’aumento delle voci sul Prezzario di riferimento, ovvero all’aggiornamento delle Analisi dei Prezzi utilizzando le medesime modalità di calcolo iniziali ed aumentando unicamente il prezzo dei materiali oggetto di aumento nel corso dell’anno 2021 mantenendo tassativamente invariati gli altri elementi dell’analisi. Tali verifiche dovranno essere allegate all’istanza a pena di inammissibilità al finanziamento
d. il DL dovrà identificare le voci contrattuali per cui l’incremento tra l’anno 2020 e l’anno 2021 risulta superiore all’8%, secondo le metodologie indicate ai precedenti punti b e c. Il presente finanziamento non si applica a incrementi relativi alle annualità antecedenti al 2020
e. le sole voci individuate dal DL di cui al precedente punto d. dovranno essere valutate al netto del ribasso d’asta e degli oneri per la sicurezza e per le sole quantità contabilizzate tra il 01 gennaio 2021 e il 9 novembre 2021. Non dovranno essere considerate e non saranno oggetto di valutazione le voci per cui l’incremento risulta inferiore all’8%
f. per tali somme il DL dovrà determinare l’importo complessivo e comunicarlo al RUP
8. in esito alle determinazioni del Direttore dei Lavori, le parti stipulino apposito Atto Aggiuntivo redatto secondo lo schema allegato Decreto 4612/2021, che dovrà prevedere da parte dell’Appaltatore l’accettazione dell’importo indicato a saldo e a stralcio di tutte le richieste formulate, rinunciando quindi ad ogni ulteriore pretesa economica risarcitoria e/o indennitaria e comunque suppletiva rispetto alle condizioni contrattuali per tali titoli, dal 1 gennaio 2021 fino alla data di sottoscrizione dell’Atto Aggiuntivo
9. l’Atto Aggiuntivo preveda che il ristoro delle spese relative ai maggiori oneri intervenuti per l'aumento dei costi per l'approvvigionamento delle materie prime non costituisce aggiornamento dei prezzi contrattuali, che pertanto continueranno ad essere applicati per la contabilizzazione dei lavori realizzati
10. la domanda di finanziamento sia corredata dalla documentazione indicata nel modello di domanda messo a disposizione dall’Amministrazione regionale e riguardi l’importo definito dal Direttore dei lavori, oltre all’IVA di legge (qualora la stessa costituisca un costo per l’Amministrazione)
11. la domanda di finanziamento per le Stazioni Appaltanti sia inoltrata alla Direzione Centrale infrastrutture e territorio sulla base di apposita modulistica messa a disposizione dall'Amministrazione regionale
12. la domanda di finanziamento per le Stazioni Appaltanti sia inoltrata entro il 22 dicembre 2021.

Scarica il fac-simile di istanza di compensazione prezzi materie prime da inviare a mezzo PEC alla Stazione Appaltante.