Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

#Comprartigiano

Compra italiano, compra artigiano. Sostieni le nostre famiglie.

E' lo slogan che affianca l'illustrazione commissionata da Confartigianato-Imprese Udine a Daniel Cuello per invitare i consumatori ad acquistare prodotti locali in questo difficile momento di emergenza sanitaria ed economica. Un messaggio conciso come del resto l'immagine che accompagna: la penisola italiana, vestita del tricolore e percorsa da mezzi su gomma, ferro e mare che instancabili la attraversano da nord a sud per consegnare merci.

"Alle imprese che vanno avanti a lavorare questo momento di grave difficoltà va il nostro grazie e tutto il nostro sostegno - afferma il presidente di Confartigianato Udine, Graziano Tilatti -. Queste realtà garantiscono infatti un servizio che lo stesso Governo ha ritenuto essenziale per la popolazione e e lo fanno esponendosi in prima persona a fronte di guadagni ridotti all'osso. E' pensando a loro che abbiamo messo a punto questa campagna per invitare i consumatori ad acquistare servizi e produzioni locali, a km0 , alimentari ma non solo. E' un regalo che facciamo a noi stessi: compriamo prodotti di cui conosciamo l'origine e garantiamo alle imprese del territorio quel po' di sostegno in più che oggi è fondamentale". "Compriamo dunque italiano e artigiano - conclude Tilatti - e continuiamo a farlo in futuro, quando l'emergenza sarà finalmente alle spalle".

A valle dell'ultimo Dpcm firmato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte, che ha ulteriormente ridotto la lista di imprese alle quali è consentito lavorare, l'ufficio studi dell'associazione provinciale di categoria ha rifatto nuovamente lo screening di quali e quante sono queste realtà e di quanti addetti impiegano. Su 27.720 imprese artigiane attive in Fvg, poco più di un terzo sono quelle autorizzate a proseguire l'attività: 11.633 pari al 42% del totale. Al lavoro restano 35.028 addetti su 67.169 (il 52,1%) di cui 20.451 dipendenti su 34.430 (il 59,4%). Costretti al fermo sono invece 16.087 imprese che danno lavoro a 32.141 addetti di cui 13.979 dipendenti.