Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Accordo nazionale per la ripresa 2015

valido fino al 31 dicembre 2017

Il 1 aprile 2015 è stato firmato l’Accordo per la ripresa 2015 tra l’ABI e le principali Associazioni rappresentative del mondo imprenditoriale. L’Accordo ha validità fino al 31 dicembre 2017 e comprende tre diverse iniziative:

  • Imprese in ripresa, per la sospensione e l’allungamento dei finanziamenti;
  • Imprese in sviluppo, per il finanziamento dei progetti imprenditoriali di investimento ed il rafforzamento della struttura patrimoniale delle imprese;
  • Imprese e P.A., per lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione.

IMPRESE IN RIPRESA 

1) Consente operazioni di sospensione dei finanziamenti:

  • Operazioni di sospensione per 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti a medio-lungo termine (mutui) 
  • Operazioni di sospensione del pagamento della quota capitale dei canoni di leasing per 12 mesi (se immobiliare) ovvero per 6 mesi (se mobiliare) 

2) Consente l’allungamento dei finanziamenti: 

  • Operazione di allungamento della durata dei mutui 
  • Operazione di allungamento a 270 giorni delle scadenze del credito a breve termine 
  • Operazioni di allungamento per un massimo di 120 giorni delle scadenze del credito agrario di conduzione ex art. 43 del TUB, perfezionato con o senza cambiali.

IMPRESE IN SVILUPPO

Possono essere oggetto di finanziamento tutti gli investimenti in beni materiali e immateriali strumentali all’attività di impresa, realizzati da singole imprese o da imprese in rete. Possono essere oggetto di finanziamento anche gli investimenti avviati nei 6 mesi precedenti al momento di presentazione della domanda. 

IMPRESE e P.A.

Sono ammesse le seguenti modalità tecniche: 

  • sconto pro soluto, anche con garanzia dello Stato concessa ai sensi dell’art. 37 del D.L. 66/2014,
  • anticipazione del credito, con cessione dello stesso (realizzata anche nella forma dello sconto pro solvendo);
  • anticipazione del credito, senza cessione dello stesso.

Per approfondimenti consultare i documenti allegati.