Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Artigianato artistico, tradizionale e dell’abbigliamento su misura (F) (Art. 54 L.R. 12/2002)

Intensità dell’incentivo

30% della spesa ammissibile (+ eventuale ulteriore 10%

Beneficiari

soggetti iscritti nella speciale sezione dell’artigianato Artistico dell’A.I.A. (annotata nella visura CCIAA), fatta salva l’eventuale successiva annotazione in fase di istruttoria della domanda di contributo. 

Iniziative finanziabili

Promozione dell’artigianato artistico, tradizionale e dell’abbigliamento su misura nei centri urbani (zone omogenee A e B degli strumenti urbanistici generali comunali).
I settori delle lavorazioni artistiche, tradizionali e dell’abbigliamento su misura sono definiti dal Regolamento emanato con D Prg. 400/2002.
Le attività devono essere iscritte nella speciale sezione dell’Artigianato Artistico dell’AIA.

Spese ammissibili

  • Lavori di ammodernamento, ampliamento, ristrutturazione e straordinaria manutenzione degli immobili adibiti (o da adibire) a laboratorio
  • Spese di progettazione, direzione lavori e colludo per opere di cui alla lett. a); 
  • Acquisto di arredi da destinare ad uso dei laboratori di cui alla lett. a);
  • Acquisto di macchinari e attrezzature nuove (di importo unitario maggiore a € 100,00, al netto dell’Iva).

Le spese per opere edili sono ammesse a condizione che:

  • l’unità immobiliare sia di proprietà dell’impresa richiedente o nella sua disponibilità (con contratto di durata almeno pari a 3 anni, previo assenso scritto del proprietario e nel rispetto del divieto di contribuzione (art. 13, c. 9, UIR),
  • l’unità immobiliare (per gli immobili già adibiti a laboratorio) al momento della presentazione della domanda sia in regola con le normative vigenti in materia urbanistica e che il richiedente risulti in possesso delle autorizzazioni per lo svolgimento dell’attività produttiva in essere. 

Spese non ammissibili

a1) spese relative ad immobili in locazione non adibiti ad attività produttiva al momento della presentazione della domanda;
a2) spese per l’acquisto di terreni e fabbricati;
b) spese per la costruzione di fabbricati;
c1) spese relative ad opere edili ed impiantistica per fabbricati o parti di laboratorio adibiti ad esposizione e ad attività di vendita di prodotti e di accoglienza;
c2) spese per arredi e attrezzature destinati ad esposizione e ad attività di vendita di prodotti e di accoglienza clienti;
d) oneri connessi all’IVA ed ad altre imposte, tasse, valori bollati, ecc.;
e) spese generali;
f) spese per beni di consumo o di ordinario uso;
g) acquisto di beni usati o in leasing;
h) ammortamento di immobili, impianti, attrezzature e macchinari. 

Limiti di spesa

  • importo minimo € 5.000,00
  • importo massimo € 75.000,00