Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Novità sugli affidamenti diretti negli Appalti Pubblici

Con la Legge di Bilancio estensione della soglia per l’affidamento diretto dei lavori nelle gare di Appalti Pubblici

Importanti novità sono contenute nella Legge di Bilancio 2019 n°145 del 30/12/2018 pubblicata sulla G.U. 302/2018, in materia di Appalti di lavori Pubblici.

La novità più rilevante, che riteniamo di segnalare, è senz’altro quella che riguarda l’estensione della soglia per l’affidamento diretto dei lavori nelle gare di Appalti Pubblici.
Tale estensione, che di seguito dettaglieremo, riguarda esclusivamente l’affidamento di lavori e non anche i sevizi e le forniture, per i quali resta tutto invariato.

Secondo le novità contenute nel testo della Legge di Bilancio 2019 (art. 1 c. 912), nelle more di una complessiva revisione del Codice dei Contratti Pubblici, di cui al D. Lgs. 50/2016, fino al 31 dicembre 2019, le stazioni appaltanti, in deroga all’art. 36 comma 2 (Contratti sotto soglia) del medesimo Codice, possono procedere all’affidamento di lavori di importo pari o superiore a 40.000 euro e inferiore a 150.000 euro mediante affidamento diretto, previa consultazione, ove esistenti, di tre operatori economici.

Tale affidamento, dovrà comunque essere effettuato, così come disposto dal Codice dei Contratti (art.36 c. 1), nel rispetto dei principi di cui all’art. 30 c.1 del Codice stesso (economicità, efficacia, tempestività e correttezza), nonché del rispetto del principio di rotazione degli inviti e degli affidamenti e in modo da assicurare l’effettiva possibilità di partecipazione delle micro, piccole e medie imprese.

La novità normativa interviene inoltre con una seconda semplificazione anche sulla fascia di affidamento di lavori di importo fra i 150.000 euro e i 350.000 euro, prevedendo in questo caso l’obbligo della procedura negoziata (art.36 c. 2 lettera b del Codice), con la consultazione di almeno dieci operatori, ove esistenti, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici. L’avviso sui risultati della procedura di affidamento, dovrà contenere l’indicazione anche dei soggetti invitati.