Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

La rottamazione delle cartelle Equitalia

Come fare per non pagare sanzioni e interessi di mora

L’art. 6 del D.L. 193/2016 (c.d. “Collegato alla Finanziaria 2017”) convertito dalla Legge 225/2016 prevede la definizione agevolata delle somme iscritte a ruolo ossia la c.d. “rottamazione delle cartelle” beneficiando della “cancellazione” delle sanzioni e degli interessi di mora per i ruoli affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2016.

Cosa è possibile definire

La definizione agevolata può riguardare:

  • cartelle di pagamento,
  • avvisi di accertamento esecutivo dell’Agenzia delle Entrate/Dogane e Monopoli,
  • avvisi di addebito dell’Inps,
  • sanzioni amministrative per violazione al Codice della strada, limitatamente agli interessi, ivi compresi quelli per ritardo pagamento.

Somme oggetto della definizione agevolata

Le somme interessate dalla definizione si possono riferire a:

  • imposte (Irpef, Ires, Irap, Iva, ecc.)
  • contributi previdenziali
  • contributi Inail
  • ruoli in contenzioso
  • entrate locali (Imu, Tasi) se il Comune si è avvalso di Equitalia per la riscossione.

Quanto si paga

L’estinzione del debito tributario avviene senza corrispondere:

  • le sanzioni e gli interessi di mora
  • le sanzioni e le somme aggiuntive dovute sui contributi o premi previdenziali.

Resta dovuto invece:

  • il capitale
  • gli interessi legali
  • l’aggio (9% fino al 31/12/12; 8% dal 1/1/13 al 31/12/15; 6% dal 1/1/16)
  • il rimborso delle spese per procedure esecutive o notifica della cartella di pagamento.

Come aderire

L’accesso all’agevolazione richiede la presentazione di un’apposita istanza entro il 31 marzo 2017 all’Agente della riscossione.
Il pagamento delle somme dovute deve avvenire o in unica soluzione (luglio 2017) ovvero al massimo in 5 rate (su cui sono dovuti gli interessi per dilazione di pagamento pari al 4,5% annuo a decorrere dal 1° agosto 2017). Per i pagamenti a rate il 70% delle somme dovute vanno versate nel 2017 e il restante 30% nel 2018.

Per tutti gli approfondimenti si rimanda al seguente Link:
http://www.gruppoequitalia.it/equitalia/opencms/it/modulistica/Definizione-agevolata/

Gli uffici di Confartigianato Udine sono a disposizione per ulteriori informazioni e assistenza.