Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Comunicazioni di assunzione o denunce di infortunio durante il periodo di chiusura feriale delle Associazioni

Cosa fare e quali moduli usare in caso di necessità se gli uffici di Associazioni e consulenti sono chiusi per ferie

Se durante il periodo di chiusura per ferie del soggetto intermediario (le nostre associazioni o i consulenti del lavoro) le aziende avessero necessità di instaurare nuovi rapporti di lavoro (per lavoratori dipendenti, collaboratori coordinati e continuativi, ecc), o cessarne di altri, nonché nel caso di cui si verifica un infortunio sul lavoro ad un proprio lavoratore, collaboratore familiare, socio o lavoratore parasubordinato, devono comunque inviare le comunicazioni rispettando i termini previsti dalla normativa.

Ma vediamo quali sono gli adempimenti previsti dalla norma e i termini.

Comunicazioni di assunzione e cessazione

  • inviare la comunicazione di assunzione via fax al nr. verde 848.800.131 competente per territorio utilizzando il modello “UniURG” indicando solamente i dati anagrafici del lavoratore e la durata del rapporto. Il modello “UniURG” deve essere inviato il giorno precedente l’instaurazione del rapporto di lavoro
  • gli uffici dell’Associazione/Studio di consulenza dovranno inviare la comunicazione “UniLAV” completa dei dati richiesti entro il giorno successivo alla riapertura degli uffici paghe indicando che era stato precedentemente inviato il fax, così come previsto dalle istruzioni fornite dal Ministero del Lavoro, di seguito integralmente riportate: “… nelle ipotesi in cui l'azienda che si è affidata a professionisti o associazioni di categoria per le comunicazioni di instaurazione dei rapporti di lavoro si trovi a non poter effettuare la comunicazione in via telematica mediante il modello “UniLAV”, in coincidenza con le ferie o la chiusura dei soggetti abilitati e autorizzati. Ciò a condizione che il datore di lavoro abbia proceduto all'invio della comunicazione preventiva, a mezzo fax e mediante il modello “UniURG” (secondo quanto già previsto per le ipotesi di malfunzionamento dei sistemi informatici), documentando agli organi di vigilanza l'affidamento degli adempimenti a un soggetto abilitato e autorizzato e la chiusura dello stesso, fermo restando l'obbligo di invio della comunicazione ordinaria nel primo giorno utile successivo dopo la riapertura degli studi professionali o degli uffici delle associazioni di categoria (analogamente a quanto previsto dopo il ripristino delle anomalie di funzionamento dei sistemi informatici)
  • nel caso di cessazione del rapporto di lavoro, nessuna specifica procedura è stata prevista dal Ministero: la norma prevede che la comunicazione di cessazione deve essere inoltrata per via telematica entro 5 giorni dalla data di effettiva decorrenza del licenziamento o delle dimissioni. Nel caso in cui l’azienda si trovi nella necessità di cessare il rapporto può inviare direttamente il modello UNILAV compilato a mano via fax al numero verde 848.800.131; successivamente sarà cura degli uffici paghe inviare la comunicazione telematica facendo riferimento al precedente fax.

Denuncia di infortunio

Il datore di lavoro è l’obbligato a presentare la denuncia di infortunio all’Inail (non più all’Autorità di Pubblica Sicurezza dopo la modifica del Jobs Act) entro 2 giorni dall’emissione del certificato medico nel caso in cui si verifica un infortunio sul lavoro ad un proprio lavoratore, collaboratore familiare, socio o lavoratore parasubordinato.

Pur in assenza di specifiche istruzioni ufficiali da parte dell’Inail, si ritiene che in caso di infortuni avvenuti durante il periodo di chiusura per ferie degli uffici della nostra Associazione Confartigianato-Imprese nel mese agosto, anziché inviare la denuncia di infortunio tramite i servizi informatici possa essere inviata la denuncia cartacea:

  1. compilare il modulo cartaceo “4 bis Prest” relativo alla denuncia di infortunio sul lavoro, per lo meno con i dati relativi alla ditta, i dati del lavoratore, i fatti che hanno provocato l’infortunio, il numero identificativo del certificato medico e la data di rilascio del certificato, firmarlo e scansionarlo, utilizzando il scaricabile dal sito dell’Inail
  2. inviare via PEC la denuncia di infortunio sul lavoro entro due giorni dalla data in cui il datore di lavoro ha ricevuto i riferimenti del certificato medico dal lavoratore (l’indirizzo PEC per la sede Inail di Udine è: udine@postacert.inail.it ; gli indirizzi PEC delle altre sedi Inail sono reperibili sul sito www.inail.it – Inail Regioni – Cerca la sede competente” inserendo il cap del domicilio del lavoratore infortunato la sede Inail competente è quella dove risiede il lavoratore infortunato)
  3. inviare il modello anche all’ufficio Paghe dell’associazione che provvederà ad integrare i dati

Sanzioni: 

Il datore di lavoro che non invia la denuncia di infortunio entro i termini previsti o la invia in ritardo è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa da € 1.290,00 a € 7.745,00 (se la sanzione è pagata entro i tempi indicati previsti dalla diffida è pari a € 1.290,00 – se la sanzione è pagata entro 60 giorni dalla notifica è pari a € 2.580,00). La sanzione prevista negli importi indicati viene applicata sia dall’Inail sia dall’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Allegati nella sezione accanto: 

(Fonti: Circolare Ministero del Lavoro n. 20/2008, Testo Unico INAIL DPR n.1124/1965)