Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Dobbiamo costruire il domani del nostro tempo

L'editoriale di Informimpresa Udine di dicembre 2014

"Chi dice che è impossibile, non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo". È la frase, attribuita ad Albert Einstein, che abbiamo scelto per augurare a tutti un 2015 più ottimista e coraggioso, scritta sul calendario che ci accompagnerà nei prossimi dodici, intensi, mesi.
I problemi e le preoccupazioni per le nostre aziende ci stanno rubando la serenità, rischiano di cancellarci la fantasia e quella fiducia nelle nostre capacità che ha cementato per decenni il benessere e la coesione sociale. Il migliore auspicio per affrontare il nuovo anno è perciò quello di riscoprire dentro di noi la fresca energia di tante ragazze e ragazzi che, ignorando che un problema fosse giudicato insolubile dagli esperti, hanno trovato una soluzione. Le storie di questo tipo abbondano e stanno cambiando davvero il mondo. Ma non occorre essere giovani per sfoderare questa abilità: basta darle un po' di spazio nella nostra quotidianità. Quante volte, anche solo negli ultimi anni, ci siamo sorbiti le 'lezioni' dei tanti "soloni" che di volta in volta hanno sentenziato l'estinzione della piccola impresa, il sopravvento della finanza sulla produzione, il declino inesorabile della manifattura o l'insostituibilità di molte strutture che poi sono state spazzate via da una tecnologia alla portata di tutti? Non lasciamo che questo pensiero a senso unico ci tolga l'entusiasmo e la passione per il lavoro cha sappiamo fare.
Nel 2015 ricorre il settantesimo anniversario della nascita della nostra Associazione. Facciamone l'occasione per guardare il futuro, più che per celebrare il passato. Chi ci ha preceduto vuole questo da noi: che costruiamo il domani del nostro tempo, senza pensare che "non sono più quei momenti" o che ormai "gli ostacoli da superare sono troppo alti". "Loro" non si sono lasciati bloccare e hanno puntato all'impossibile; "noi" non possiamo essere da meno!

di Graziano Tilatti
Presidente di Confartigianato Udine 

Tratto da Informimpresa Udine - Dicembre 2014