Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Se vuoi saperne di più, su privacy e cookie, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Attenti al Burosauro!

L'editoriale di Informimpresa Udine di settembre 2014

Un ironico e spiritoso articolo a firma di Francesco Cancellato pubblicato a settembre su 'Linkiesta.it' è dedicato al Burosauro, un essere "del tutto simile a un pachiderma, ma molto più grande e soprattutto molto più lento" che "i piccoli imprenditori hanno sicuramente incontrato più volte nella vita...".
Avete senz'altro capito di che si tratta.
Il pezzo è talmente godibile, nella sua drammatica efficacia, che merita di essere letto e non solo citato per sintesi, pertanto non vi rubiamo il piacere di andarlo a cercare.
Quanto al Burosauro in questione - l'unica specie a cui persino il WWF e Legambiente augurano una rapida e definitiva estinzione - va detto che gli avvistamenti in terra friulana sono tutt'altro che rari.
Due, di recente, hanno attirato l'attenzione di studiosi e ricercatori come pure dei semplici appassionati.
Il primo in quel di Udine, dove è stato avvistato mentre tentava di dare la caccia alla sua preda preferita: l'Artigianus Friulidoccus, reo soltanto di occupare uno dei suoi habitat naturali - una piazza cittadina.
Fortunatamente in questo caso il vorace, quanto dispettoso, Burosauro è stato messo in fuga da un'improvvisa grandinata di buonsenso amministrativo, ma già si teme che possa riprendere la caccia all'approssimarsi di una delle sue stagioni preferite: quella natalizia.
Quanto all'altro avvistamento di riguardo, occorre spostarsi in prossimità della costa, verso i pascoli triestini, notoriamente ospitali per questa temuta specie predatoria.
Anche in questo caso il Burosauro è di recente uscito allo scoperto braccando esemplari di Artigianus in un momento particolarmente vulnerabile: quello in cui cercano di attirare l'attenzione della specie Clientes attraverso rituali di carattere promozionale.
L'attacco è stato tremendo ed è stato sferrato con una serie di armi improprie che gli studiosi ha anno classificato con sigle oscure ai profani, ma dai nomi terribili di MePA, CUP e CIG. E proprio quando il destino dell'Artigianus sembrava irrimediabilmente segnato, ecco il colpo di scena: il Burosaurus regionalis è stato messo in fuga da una specie spesso più ostile, ma stavolta stranamente favorevole all'Artigianus: nientemeno che il temutissimo e implacabile Burosaurus ministerialis!
A questo punto i lettori più informati avranno già colto l'amara realtà che si cela dietro il linguaggio documentaristico. Ai più mancheranno probabilmente alcune informazioni di dettaglio, che saremo lieti di fornire a chi invierà una mail all'indirizzo direzione@uaf.it
Nel frattempo, guardatevi dal Burosauro!

di Pietro Mendri

Tratto da Informimpresa Udine - Settembre 2014